lunedì 22 ottobre 2007

Visiting Amora...

Oggi, tra i media ed internet, che parlano del sesso in modo sempre più esplicito, sembrerebbe che sull'argomento non ci sia nulla in più da dire (o da imparare). Non è stata di questa opinione Sarah Brewer, medico sessuologo e direttrice di “Amora – Academy of Sex and Relationship”, situata nel cuore di Londra, all’angolo di Coventry Street con Piccadilly Circus. Si scendono le scale che portano all’ingresso del percorso e si sente subito il sussurrio di una voce femminile. Non resta che andare oltre, ascoltare e… guardare. Ricevuta un’audioguida (multilingue, tra cui l’italiano... ma guarda un po'!) può iniziare il percorso iterattivo che si svolge lungo sette zone che permettono, in un’ora circa, di avere una panoramica abbastanza completa sull’universo dell’eros e dei comportamenti sessuali. Prima di tutto, si viene informati sulle differenze cerebrali tra uomo e donna. Proseguendo, impossibile non restare stupiti da una vera e propria sfilata di calchi in gesso di genitali maschili e femminili, di varie forme e dimensioni, “per mostrare alla gente che c’è una grande varietà” mentre schermi interattivi illustrano quali sono le zone erogene del corpo umano e come attivarle. E poi, ancora, ci sono video che descrivono i comportamenti sessuali, dall’autoerotismo al feticismo, c’è la sala “Amora Sutra” e quella “Amorgasm – The Orgasm Tunnel” (nomi che non hanno certo bisogno di spiegazioni…) In quella chiamata “Fantasy & Fetish”, invece, si è accolti da due manichini bianchi girati di spalle che invitano a prendere un piccolo battipanni e a sculacciare: i sensori indicano se lo “spanking” sia stato soddisfacente, troppo timido o troppo entusiastico. A fine giro, l’ultimo ambiente è “Wellbeing”, dedicato al benessere sessuale, con particolare riguardo alle malattie sessualmente trasmissibili e a quali e quanti guai si possono attirare con un comportamento sessuale troppo disinvolto. E, per ritemprarsi dalle fatiche, niente di meglio di una sosta presso l’"Aphrodisiac Longe" per consultare un libro ed approfondire una conoscenza appena appresa o sorseggiare un cocktail (afrodisiaco pure quello).
Qual è lo scopo di tutto ciò?
Assolutamente divulgativo, assicurano i curatori che a controprova della loro tesi, hanno previsto anche la presenza, in sede, di un sessuologo, a disposizione di chi abbia domande o dubbi in materia. In realtà, Amora Academy è costata circa 7 milioni di sterline e, nel primo anno, si prevedono 500mila visitatori. Costo del biglietto: 12 sterline (dal mattino fino al pomeriggio) e 15 sterline per un ingresso serale (si accettano scommesse sul motivo sulle 3 sterline in più...). Contando su qualche altra sterlina a testa spesa nel negozio di gadget e nel bar acclusi, gli ideatori pensano di incassare 10 milioni di sterline. Il tutto in nome nel nobile intento di dare agli inglesi un’educazione sessuale scientifica? Lasciateci essere un po’ scettici…

6 commenti:

Giovanna Alborino ha detto...

a quanto vedo gli inglesi mettono spesso in primo piano il sesso..ma almeno lo sanno fare?

enzorasi ha detto...

Ma chi disse. "niente sesso siamo inglesi"? L'anno scorso ho girato tutti i principali musei di Londra, sono spettacolari. Credetemi.Li ho trovati anche divulgativi nel senso più alto del termine...questa mostra sulla sessualità? Sono scettico anch'io però non giudico se prima non vedo. Trovo invece francamente inutile e controproducente questo continuo aberrante logorroico parlare di sesso, infatti se ne fa poco buono!

Il Finz ha detto...

A questo punto meglio andare in qualche fiera del porno, magari si impara dai più! Ci voleva un intervento per far calare il livello della discussione dai... :) Perdono.

daphne ha detto...

amore, gay, vita, sesso, libri, magia.
londra è il minimo comune denominatore.
ho messo il link alla fiaba, così puoi leggerla meglio :)

andrea opletal ha detto...

boh..... che strano ?

supermacvale ha detto...

Dai, carino! :D