venerdì 14 marzo 2008

Al femminile

Donne, figlie, lavoratrici, mamme, mogli, mogli-amanti, mogli-amiche e utenti web... nell'era del multitasking sembra non esserci esempio più eloquente di come le rappresentanti del gentil sesso (guai a definirlo "debole"!) siano in grado di gestire ogni giorno una incredibile pluralità di situazioni, sempre con precisione, razionalità e spirito di sacrificio. Non parlo di un esercito di wonder women ma di creature sensibili e particolarmente disponibili alle esigenze altrui che amano trovare, nelle pagine di un blog l'oasi di virtuale piacere emotivo.
Eppure qualcuno sostiene che "tra i blogger abbondano i nevrotici, soprattutto donne". Si tratta di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori in psichiatria degli States e poco pubblicato dalla rivista specializzata "Computers in Human Behavior".
Quale casistica, per ampia e completa che sia, è in grado di dare autorevolezza ad una simile affermazione? Quale nobile intenzione "scientifica" potrebbe non metterne in dubbio i risultati?
L'unica "nevrosi" (parola "forte" che utilizzerei in accezione esclusivamente metaforica) che posso condividere è quella espressa dall'affanno con cui digito le parole. Ma le dita che giocano e corrono sulla tastiera non fanno altro che assecondare il moto del mio spirito, il piacere di donare, di condividere, di raccontare. Per me stessa e poi per chi legge. Forse, assecondando questo mio bisogno, sono egoista, ma non nevrotica. Tutto qui, ma una notizia del genere non poteva proprio passare inosservata, almeno tra i miei post in rosa.

10 commenti:

Romano ha detto...

Innanzitutto non sei egoista ma generosa perché condividi con gli altri le tue idee. Riguarda lo 'studio', lascia il tempo che trova. Tra un pò diranno il contrario. Come al solito...

Ciao

Peppe ha detto...

L'unica intenzione che posso cogliere è la volontà di cominciare a screditare "questi" bloggers che "forse" cominciano a dare fastidio a qualcuno. Il resto lascia il tempo che trova.
Ciao.

Simona ha detto...

prima ci hanno definito un covo di pervertiti (vedi Vespa), adesso pure nevrotici...boh...ma sta gente li legge i nostri blog, dove dialoghiamo, facciamo informazione, qualcuno scrive poesie...nevrotici o nevrotiche saranno loro!

Pellescura ha detto...

Certo saremo nevrotici, ma come lo è anche il fruttivendolo o l'impiegata della posta. Trovateme uno che gurdandosi intorno e vivendo lo stress di ogni giorno non diventi un po' nevrotivo. Secondo me il blog non c'entra. Il blogger probabilmente è solo più curioso della media e vuole capire e condividere con altri le sue esperienze.

Matteo L. ha detto...

Due nuovi post vi aspettano nel mio blog. L'OPERAZIONE LIBERTA' grazie a loro ha una forza enorme. Vi aspetto numerosi per aderire al progetto!

Liby ha detto...

Ciao ;-))
Ti ho lin kato ;-)) .. se ti và scambio link!!

Liby

Gianluca ha detto...

Mai mi sono sentito più nevrotico di loro :-)

Pino Amoruso ha detto...

Cazzo è la prima volta che mi definiscono nevrotico!!! Sono ridicoli....
A presto ;)

Liby ha detto...

La mia sensazione è che Berlusconi e compagnia bella, capiscono benissimo che il popoli del Blog è veloce, intrapendente, solidale, graffiante, libero .. hanno individuato in noi il vero nemico dei loro mass media, coloro in grado di diffondere le notizie in modo rapido e con l'analisi di tutte le sfaccettature possibili .. no .. non siamo nevrotici, siamo semplicemente persone che riesono a confrontarsi quotidianamente e senza peli sulla lingua!! .... ;-)

Liby

Fabioletterario ha detto...

Stand by? Ma no, io ti aspetto sempre qui. E poi non è egoismo, anzi!