lunedì 10 novembre 2008

Lavoro e profumo di mandarini

Sono assente dalla blogosfera da un po' di tempo. Ci sono stati nella mia vita professionale dei cambiamenti oserei dire radicali. Di contenuti, orari, location e spirito. L'illusione di un salto di qualità, la consapevolezza di colleghi arrivisti. Un mondo che non mi appartiene con sensazioni che bruciano, di delusione e amarezza. Eppure "devo" lavorare. Perché scrivere è la mia linfa e non potrei farne a meno. Sono trascorse già due settimane, volate come un soffio di vento. Passione, tanta. Entusiasmo sotto i piedi. Oggi però sono tornata a casa e mi ha accolto, oltre il sorriso sempre disponibile di mia madre, un aroma di mandarini. Con l'arrivo dell'inverno, è tradizione, già ai tempi di mia nonna, di far bruciare sul fuoco le bucce di questi piccoli agrumi perché nell'aria si diffonda una sensazione di calore. Dolce e rassicurante. Proprio quello di cui ora ho bisogno...

Post Scriptum
Una romanticona come me non poteva non lasciarsi andare alle pagine di "Il mondo di Rhett - Il ritorno di via col vento" (Piemme), una coccola regalatami da Armandrex...

14 commenti:

Romano ha detto...

L'ho scritto anche ad un'altra blogger (ma siete poche a darmi questa sensazione!) quando leggo post come questo, mi si riempie il cuore ;)

Un abbraccio

LauBel ha detto...

@ romano
grazie...

sileno ha detto...

Quanta nostalgia il profumo delle bucce di agrumi sulla stufa e gli alberi di natale con le candeline di cera e i cioccolatini appesi sui rami e non c'era la plastica...

stella ha detto...

E hai pure il calore di tutti noi!

L'entusiasmo ritornerà,cara laubel!

Un abbraccio sentito.

giorgio ha detto...

Sì, l'odore delle buccie seccate dei mandarini, che meraviglia. Vorrei aggiungere quello delle mele cotte al forno con la cannella...

laumig ha detto...

che questo vento di cambiamento ti porti cose buone, e tu possa ritrovare il tuo entusiasmo ed energia :)

Fabioletterario ha detto...

Io ci sono, nei tuoi cambiamenti.
E quel profumo di mandarini, lo condividi anche con me? :-)

sirio ha detto...

Quando lavoravo ancora,li ho visti i colleghi arrivisti...non hanno fatto tanta strada,perchè ne trovano altri più arrivisti di loro! (e magari appoggiati...)
Tra di noi non capita laubel,quindi su con la vita!

P.S.In più,con la mamma che ti ritrovi...

Ciao,un caro saluto.

*Shaina* ha detto...

I mandarini hanno il profumo dell'inverno e del Natale...

Delle feste in famiglia e del calore di un abbraccio...

Sono il primo motivo per cui amo la stagione fredda...

stellavale ha detto...

Ti ho scoperto.... bel blog!

LauBel ha detto...

@ sileno
benvenuto dalle mie parti!

@ giorgio
buooona la cannella! la adoro nella tisana...

@fabioletterario
:-)

@stellla e laumig
care amiche, grazie!

@ sirio
grazie (anche) da parte della mia mamma!!

@ stellavale
grazie... corro a curiosare da te!

holden ha detto...

Ti sono venuto a beccare:)
Stai bene?
il profumo delle bucce dei mandarini ..che bello ..io le metto sul calorifero.
Notte
Holden

Irene ha detto...

Prima di tutto un grande in bocca al lupo per il nuovo lavoro. Spero veramente che tu possa esercitare quello che più ti piace, cioè scrivere. Ricaricati di tenerezza, coccole, serenità e armonia che solo l'ambiente di casa può dare... per il resto, come dici tu... bisogna lavorare e quindi lasciati scivolare addosso tutto! Buona continuazione. un bacione grande a te e a Armandrex

P.S. Ormai un po' ti conosco e penso che questo libro "La donna in bianco" Wilkie Collins del 1820 sia adatto per te e lo trovo più attuale che mai! Fantastico è dir poco!

Pino Amoruso ha detto...

Ciao passo per un saluto veloce...In questo periodo sono molto impegnato; conto a breve di venire a visitarti con più assiduità.
Buona settimana ;)